Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home

Appuntamenti

Donazioni

Paypal o Carta di Credito:

Bonifico:
ASSOCIAZIONE LE AGENDE ROSSE
IBAN IT19D0335901600100000116925











 




In Primo Piano

Mafia: due incontri con Salvatore Borsellino a San Lazzaro di Savena (Bo) - 17/11/2017
di Redazione 19luglio1992.com - 16 novembre 2017

(DIRETTA STREMING)
Salvatore Borsellino, fratello minore di Paolo, sarà ospite a San Lazzaro di Savena (Bologna) in due incontri organizzati per il 17 novembre da Agende Rosse.  Alla mattina sarà intervistato dal giornalista Marco Lillo all'Itc Mattei, alle 10.30, in un'iniziativa dal titolo 'Bugie e verità. La lunga strada per arrivare ai mandanti delle Stragi del 1992-1993'. Il pomeriggio è invece previsto un convegno, alle 18.30, alla camera del lavoro di San Lazzaro, su 'Le verità taciute del processo Borsellino quater'. Dopo l'introduzione di Luana Rocchi, segreteria Cgil di Bologna, prenderanno la parola, oltre a Borsellino, gli avvocati Calogero Montante, Domenico Morace e Fabio Repici. Modererà sempre Marco Lillo del Fatto Quotidiano.
(ANSA)

L'incontro delle 18.30 verrà trasmesso in diretta streaming



 

Ordina un'Agenda Rossa



Mappa gruppi Agende Rosse

21

Ott

2017

Presentazione del libro 'Il bandito della guerra fredda' - Bari, 23/24 ottobre 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da Agende rosse Provincia di Bari   
di Agende rosse Provincia di Bari - 21 ottobre 2017

Proseguono i seminari formativi sul tema della legalità con due appuntamenti legati al testo verità sul bandito Salvatore Giuliano e sulla strage di Portella delle Ginestre, “Il bandito della guerra fredda” in compagnia dell’autore Pietro Orsatti, scrittore, regista, giornalista e creatore teatrale, nonché collaboratore per numerose testate giornalistiche italiane e estere.
Il primo incontro è programmato per lunedì 23 ottobre alle ore 19.00 in piazza Leone 14, presso il Castello di Bitritto, dove l’autore presenterà il suo ultimo libro dialogando la scrittrice Monica Lippolis, autrice del testo “L’altra storia”. Interverranno all’evento, Sabino Paparella, ass. alla legalità di Bitritto, costante e attento a questo genere di tematiche e Savino Percoco, Coord. Agende rosse Prov. di Bari. Modera l’incontro il giornalista di Repubblica, Gianvito Rutigliano. Fautori dell’evento patrocinato dal Comune di Bitritto, sono le Ass. Agende Rosse, Funima international e libreria Libriamoci.
Il secondo appuntamento è fissato alle ore 10:00 di martedì 24 ottobre presso l’Auditorium del Liceo Linguistico e Tecnico Economico Statale “Marco Polo” di Bari, dove Pietro Orsatti incontrerà gli studenti.
Leggi tutto...
 

19

Ott

2017

Processo Trattativa, domani l'udienza del boss Giuseppe Graviano PDF Stampa E-mail
Scritto da G. D'antonio   
di G. D'antonio - 19 ottobre 2017

Domani, venerdì 20 ottobre, al processo trattativa Stato-mafia sarà sentito in videoconferenza il boss del mandamento di Brancaccio, Giuseppe Graviano.
Essendo indagato di reato connesso in un’inchiesta stralcio sulla trattativa Graviano potrebbe avvalersi della facoltà di non rispondere.
Nell’udienza dello scorso 22 settembre il Procuratore Nino Di Matteo aveva specificato gli argomenti sui quali il boss sarà chiamato a rispondere, ovvero la contestazione di aver partecipato alla violenza e alla minaccia al corpo politico dello Stato.
Suoneranno molto forti le parole raccolte per oltre un anno con le intercettazioni ambientali disposte dalla Procura di Palermo durante l’ora di socialità in compagnia di Michele Adinolfi; la Corte ha ammesso al dibattimento 21 delle 32 intercettazioni raccolte.
In particolare, Graviano fa riferimento al ruolo di Silvio Berlusconi: “Mi ha chiesto una cortesia…” dice in un dialogo, “traditore” lo apostrofa in un altro.
In sede dibattimentale ci si aspetta che venga fatta luce anche sulle modalità del concepimento del figlio di Graviano mentre era detenuto a 41-bis.
Altrettanto gravi sono le parole che Gaspare Spatuzza attribuisce a Graviano durante l’incontro avvenuto presso il bar Doney, a Roma, nel gennaio 1993 a proposito dell’attentato all’Olimpico che si sarebbe dovuto tenere il 23 di quel mese: “l’attentato lo dobbiamo fare lo stesso. I calabresi si sono mossi. Dobbiamo dare quest’ultimo colpo. Lo dobbiamo fare lo stesso, tanto ormai comunque ci siamo messi il Paese nelle mani”. Avrebbe fatto i nomi di Berlusconi e Marcello Dell’Utri come i soggetti con i quali erano stati stipulati quegli accordi.
Leggi tutto...
 

16

Ott

2017

A Milano l’ombra della mafia sul 16 per cento delle aziende PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianni Barbacetto   
di Gianni Barbacetto - 13 ottobre 2017

Le cronache ci hanno messo sotto il naso, negli ultimi anni, decine di casi in cui la sana e integerrima imprenditoria lombarda risulta compromessa con uomini vicini alla cosche, per lo più della ’ndrangheta. Molti casi li abbiamo analizzati e raccontati anche su queste pagine. Dunque pensavamo di essere preparati a tutto e di essere destinati a non farci più stupire da niente. Invece ora una ricerca sui rapporti tra imprese e criminalità ci ha fatto balzare sulla sedia. Si intitola “Vale la pena di avere i Soprano a bordo?”, sottotitolo “Inquinamento della governance societaria e crimine organizzato: il caso Italia”, ed è stata svolta dal Centro Baffi Carefin dell’università Bocconi di Milano, attingendo ai dati raccolti dall’Aisi (il servizio segreto per la sicurezza interna diretto da Mario Parente).

Ebbene: i risultati sono sconvolgenti anche per chi da anni ripete che al Nord “l’inquinamento” mafioso è ormai diventato saldo “insediamento” criminale. Il dato più clamoroso: il 9 per cento delle imprese lombarde ha avuto al proprio interno amministratori che sono stati segnalati per reati tipici della criminalità organizzata; il 7 per cento ha avuto soggetti non amministratori (sindaci, soci, manager) segnalati per quei reati; un ulteriore 22 per cento ha avuto amministratori, sindaci, manager o soci segnalati per altri reati.
Leggi tutto...
 

20

Ott

2017

Il quarto livello delle mafie PDF Stampa E-mail
Scritto da Vincenzo Musacchio   

di Vincenzo Musacchio - 20 ottobre 2017

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono forse punti di collegamento tra i vertici di Cosa Nostra e centri occulti di potere che hanno altri interessi. Ho l’impressione che sia questo lo scenario più attendibile se si vogliono capire davvero le ragioni che hanno spinto qualcuno ad assassinarmi”.
Anche se in tanti dicono che Falcone non avesse mai riconosciuto un terzo livello in “Cosa Nostra”, indirettamente, (ma io ritengo con scienza e coscienza) questo suo commento ammette l’esistenza non solo di un terzo livello ma addirittura ne paventa l’esistenza di un quarto.  Non dimentichiamoci mai che gli anni ottanta fino alla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, segnano le sconfitte più consistenti subite da Cosa Nostra nella sua storia criminale e la gran parte provocate proprio dal maxiprocesso. Fu una svolta epocale e mondiale. Sino alla sentenza del maxiprocesso la conoscenza del fenomeno mafioso era assai vaga e confusa. Dopo quella sentenza, abbiamo cominciato a comprendere meglio il fenomeno e i suoi contatti con i “poteri forti” nazionali ed internazionali. Esisterebbe una rete, ove si anniderebbero questi cd. “poteri forti”, una sorta di “super comitato”, costituito da uomini politici, massoni, banchieri, alti burocrati dello Stato, industriali, che influenzerebbe (direttamente o indirettamente) anche le sorti delle mafie italiane. Questi poteri forti nazionali costituirebbero il cd. “terzo livello”, mentre quelli sovranazionali darebbero vita al cd. “quarto livello”. Cos’è questo “quarto livello” e chi sono le persone che lo compongono?

Leggi tutto...
 

17

Ott

2017

1° festival della Legalità - Casoli (CH), 23-26 ottobre 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da ISS Istituto Scuola Superiore "Algeri Marino" di Casoli (Chieti)   
di ISS Istituto Scuola Superiore "Algeri Marino" di Casoli (Chieti) - 17 ottobre 2017




 
 

15

Ott

2017

Contrada, il reintegro in Polizia e la sentenza mai revocata PDF Stampa E-mail
Scritto da Aaron Pettinari   
di Aaron Pettinari - 15 ottobre 2017

Il capo della Polizia Franco Gabrielli ha revocato il provvedimento di destituzione di Bruno Contrada, ex dirigente della Criminalpol di Palermo e numero tre del Sisde, che potrà nuovamente “vestire” una divisa. Una “presa d’atto”, come spiegano dal Viminale, dopo la notifica della sentenza della Cassazione, che ha dichiarato “ineseguibile e improduttiva di effetti penali la sentenza di condanna” a dieci anni per concorso esterno in associazione mafiosa, divenuta definitiva nel 2007. Così come chiedeva la Corte di Strasburgo, che aveva condannato l’Italia a risarcire il poliziotto, nel provvedimento di Gabrielli si riconosce per il periodo compreso tra il 13 gennaio del 1993, data di decorrenza della destituzione, e il 30 settembre del 1996, giorno dal quale Contrada è andato in pensione, il trattamento economico che spettava al funzionario di polizia.
Ancora una volta c’è chi parla di “revoca” della sentenza di condanna, di “persecuzione” nei confronti di Bruno Contrada, di “ingiustizie subite” e di “restituzione dell’onorabilità”.
In realtà nelle motivazioni della sentenza con cui la Corte di Cassazione ha recepito le indicazioni della Corte di Strasburgo non una parola viene spesa nell’analisi dei fatti che hanno visto Bruno Contrada protagonista, né compare la parola “revoca della sentenza che ha portato alla condanna. Né, tantomeno, si parla di “assoluzione” dell’ex numero tre del Sisde.
Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 3 di 1048
I Want To Buy Testosteronequick loans . There are also a lot of other privileges for return customers. Men buy Viagra Gold online not to wait till the lucky event happens but to enjoy each sex act because Viagra effect lasts up to 36 hours!
 

Petizione Agostino

Fino all'ultimo giorno della mia vita