Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home

Donazioni

Paypal o Carta di Credito:

Bonifico:
ASSOCIAZIONE LE AGENDE ROSSE
IBAN IT19D0335901600100000116925









 




In Primo Piano

Via d'Amelio, dopo 25 anni nessun silenzio

di Miriam Cuccu e Francesca Mondin - 20 luglio 2017


Nessun minuto di silenzio quest’anno in via Mariano d’Amelio, ma un lungo momento in cui un migliaio di persone hanno scandito i nomi di Paolo Borsellino, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina e Agostino Catalano, uccisi 25 anni fa nella strage del 19 luglio 1992. All’evento organizzato dal Movimento Agende Rosse sono presenti, tra gli altri, Nino Di Matteo e Roberto Tartaglia, pm del processo trattativa Stato-mafia, Antonio Ingroia, ex magistrato di Palermo, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e quello di Messina, Renato Accorinti, Ferdinando Imposimato, Presidente della Corte di Cassazione, e Giulia Sarti, componente M5S e della Commissione parlamentare antimafia.


Mentre una giovane sul palco canta l’inno d’Italia, sul balcone della famiglia Borsellino campeggiano sei figure di cartone a grandezza naturale: sono quelle del giudice ucciso e dei cinque agenti di scorta. Quasi a voler osservare la folla che applaude attorno al palco ed ai familiari delle vittime. Che, ancora una volta, denunciano l’amara condizione dell’essere defraudati della verità sull’uccisione dei loro cari. Un boato inevitabilmente contrastante con i “silenzi di Stato” ed i “depistaggi” che hanno dato il nome a questa venticinquesima manifestazione, all’ombra dell’ulivo adornato di lettere e fazzoletti colorati piantato di fronte al cancello dove Paolo Borsellino sostò per l’ultima volta.
Leggi tutto...
 

Ordina un'Agenda Rossa



L'agenda Ritrovata

 

Appuntamenti

27

Lug

2017

Omicidio Mormile, ‘Umberto ucciso dalla ‘ndrangheta con il nulla osta dei servizi segreti’ PDF Stampa E-mail
Scritto da Antonella Beccaria   
di Antonella Beccaria - 26 luglio 2017

“Mormile, nonostante sia stato infangato come corrotto, venne ucciso perché rifiutò di fare una relazione compiacente a Domenico Papalia“. A parlare è Vittorio Foschini, ‘ndranghetista pentito che il 26 aprile 2015 ha detto anche altro: Mormile sapeva di un patto tra criminalità organizzata calabrese e servizi segreti. L’educatore carcerario lo disse chiaramente: “Io non sono dei servizi”, quando gli venne chiesto un favore per il boss Domenico Papalia, e per questo – anche per questo – morì. “Questa allusione sui rapporti servizi-Papalia, oltre che al rifiuto di fare il favore, fu fatale al Mormile”, spiega infatti Foschini.

Vediamo di capire meglio. Umberto Mormile, 37 anni, era un educatore in servizio nel carcere di Opera dopo essere stato a Parma. Fu ammazzato l’11 aprile 1990 a Carpiano, nel milanese, mentre andava al lavoro. Gli furono sparati sei colpi di 38 special esplosi da un’Honda 600 che aveva affiancato la sua Alfa 33. L’omicidio venne rivendicato dalla Falange Armata – Falange Armata Carceraria, per la precisione – sigla che esordì proprio con questo delitto (e sul punto torneremo). In via definitiva per l’omicidio Mormile sono stati condannati come mandanti Domenico e Antonio Papalia e come esecutori materiali Antonio Schettini e Nino Cuzzola. Nel corso del processo, la memoria dell’educatore carcerario fu sporcata da insinuazioni secondo cui avrebbe avuto una “condotta non specchiata” e troppo propensa a prestare favori ai boss detenuti, sia a Parma che a Opera. Falso, tanto che già nella stessa sentenza di condanna non lo si dava per certo, non c’erano elementi per sostenerlo.

Leggi tutto...
 

23

Lug

2017

Via D’Amelio, ora le famiglie delle vittime non sono più sole PDF Stampa E-mail
Scritto da Federica Fabbretti   

di Federica Fabbretti - 23 luglio 2017

Le giornate di memoria per ricordare la strage di Via D’Amelio e il sacrificio degli uomini che quel giorno persero la vita sono evidentemente meno raccontate e pubblicizzate rispetto a quelle del 23 maggio. Sicuramente per il carattere meno sfarzoso ma, altrettanto sicuramente, anche per la scomodità di ciò che viene denunciato al loro interno. Questa volta, nonostante il valore simbolico del venticinquesimo anniversario, non è andata diversamente.

Ma quest’anno è accaduto un evento, a mio modesto parere, senza precedenti, che ho il dovere e l’onore di far conoscere a quante più persone possibili. Quest’anno non si è soltanto spiegata (grazie agli interventi degli avvocati Fabio Repici e Calogero Montante, rispettivamente legali di Salvatore Borsellino e di Enzo Scarantino) l’importanza della storica sentenza del processo Borsellino Quater, che ha confermato per la prima volta in venticinque anni il depistaggio delle indagini sulla strage.
 

Leggi tutto...
 

22

Lug

2017

'Un patto tra clan e 007 dietro al delitto di Umberto Mormile' PDF Stampa E-mail
Scritto da Cesare Giuzzi   
di Cesare Giuzzi - 20 luglio 2017

Questo delitto ha attraversato le pagine più nere della storia d’Italia degli ultimi venticinque anni. Dalla «Falange armata» alle indagini sulla «Uno bianca», fino al processo sulla (presunta) trattativa Stato-Mafia. In mezzo ci sono i nomi dei più importanti boss della ‘ndrangheta al Nord che per quel delitto saranno condannati. Ma anche quelli di uomini dello Stato, allora alla guida del Dipartimento penitenziario e dei Servizi segreti oggi coinvolti nelle indagini sul controverso «Protocollo farfalla», la struttura parallela che avrebbe raccolto informazioni per l’intelligence italiana da alcuni boss al carcere duro in cambio di benefici e permessi di libera uscita. Una pagina ancora tutta da scrivere dalla giustizia e sulla quale stanno tentando di fare luce gli stessi pm di Palermo che si sono occupati delle indagini sulla Trattativa dopo le stragi di mafia del ‘91 e del ‘93.

Umberto Mormile,
educatore del carcere di Opera, e prima ancora al penitenziario di Parma, aveva 37 anni quando, la mattina dell’undici aprile 1990 venne ucciso con due colpi di pistola 38 special sparati dietro all’orecchio sinistro da distanza ravvicinata. A colpire fu la mano esperta di Antonio Schettini, campano ma killer legato al boss ndranghetista Franco Coco Trovato, poi collaboratore di giustizia, condannato per 59 omicidi tra gli anni Ottanta e Novanta.
Leggi tutto...
 

27

Lug

2017

'Ndrangheta e mafia dietro attentati Cc: arrestati Giuseppe Graviano e Rocco Filippone PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione AMDuemila   
di Redazione AMDuemila - 26 luglio 2017

Per gli attentati ai carabinieri in Calabria, tra il ‘93 e il ‘94, c’è stata una partecipazione della ‘Ndrangheta alla strategia delle stragi al pari di Cosa nostra. Un omicidio e due tentate uccisioni per i quali oggi l’operazione “‘Ndrangheta stragista” ha svelato i nomi dei due mandanti, destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Si tratta del capomandamento di Brancaccio (Palermo) Giuseppe Graviano, attualmente al 41 bis e fedelissimo di Totò Riina, e Rocco Santo Filippone, legato alla potente cosca calabrese dei Piromalli di Gioia Tauro. Quest’ultimo, oggi 77enne, era a capo del mandamento tirrenico della 'Ndrangheta all'epoca degli attentati ai carabinieri: la Dda di Reggio Calabria ha contestato al capomafia anche il reato di associazione mafiosa in quanto è considerato, oggi come allora, elemento di vertice della cosca Filippone.
La strategia di attacco contro i carabinieri ha inizio il 18 gennaio 1994, quando morirono gli appuntati Antonino Fava e Giuseppe Garofalo. Nel secondo attentato, il 1° febbraio ’94, furono feriti l'appuntato Bartolomeo Musicò ed il brigadiere Salvatore Serra, mentre il 1° dicembre dello stesso anno rimasero miracolosamente illesi il carabiniere Vincenzo Pasqua e l'appuntato Silvio Ricciardo. Attentati che, secondo gli inquirenti reggini, non vanno letti ciascuno in maniera singola ed isolata, ma inseriti in un contesto di più ampio respiro e di carattere nazionale nell'ambito di un progetto criminale, la cui ideazione e realizzazione è maturata non all'interno delle cosche di 'Ndrangheta, ma attraverso la sinergia, la collaborazione e l'intesa di organizzazioni criminali, che avevano come obiettivo l'attuazione di un piano di destabilizzazione del Paese anche con modalità terroristiche.
Leggi tutto...
 

23

Lug

2017

Stragi ’92-’94. Individuato il vero responsabile: Nino Di Matteo PDF Stampa E-mail
Scritto da Sandra Rizza e Giuseppe Lo Bianco   
di Sandra Rizza e Giuseppe Lo Bianco - 22 luglio 2017

Venticinque anni di pentiti fantoccio, di insabbiamenti, di verbali dimenticati e altri nascosti, di riscontri mai compiuti, di colloqui investigativi autorizzati dopo il pentimento, venticinque anni soprattutto di indagini mai fatte e di un depistaggio che dura dal 20 luglio del ’92 nell’assoluto disinteresse di commissioni stragi e antimafia, e finalmente l’Italia si sveglia con il nome dell’unico, vero responsabile: il pm Nino Di Matteo.

‘’Non so se era alle prime armi, è certo che mio padre non si meritava un pm alle prime armi’’, ha urlato Fiammetta Borsellino e subito dopo si è interrogato Mattia Feltri sulla Stampa: ‘’Se il depistaggio fu un effetto della trattativa, come fa il maturo pm di Palermo, Di Matteo, a occuparsi del giovane pm di Caltanissetta, Di Matteo?’’.

Nella procura che oggi si scopre massonica, con cappucci e grembiulini sia maschili che femminili, tra gli ottanta magistrati che in tre gradi di giudizio di tre diversi processi hanno avallato le scempiaggini criminali di un ‘’orsacchiotto con le batterie’’, come si è definito Scarantino, indotto a mentire da agenti ancora senza volto, il capro espiatorio è servito su un piatto d’argento sul tavolo della partita tuttora in gioco, quella della trattativa Stato-mafia, che a distanza di 70 anni dal pianoro di Portella della Ginestra, è in grado per la prima volta di rispondere alla domanda elusa da tutte le commissioni antimafia: c’è uno Stato nello Stato che è sceso a patti con la mafia?
Leggi tutto...
 

22

Lug

2017

Io, cresciuto tra i mafiosi, ho conosciuto un Uomo: Paolo Borsellino PDF Stampa E-mail
Scritto da Pippo Giordano   
di Pippo Giordano - 18 Lug 2017

Ho avuto la fortuna, dopo aver frequentato da ragazzo tanti mafiosi, di conoscere tantissimi uomini che col loro sangue hanno scritto la storia alla lotta a Cosa Nostra: magistrati, carabinieri, colleghi della Polizia. Riponevo in Paolo Borsellino, dopo la strage di Capaci, tutte le mie speranze nel combattere con atti concreti Cosa Nostra. Interrogammo il collaboratore Gaspare Mutolo, ma il tritolo in via D'Amelio affossò i nostri progetti.

Il primo nome degli imputati che appare al maxiprocesso, quello in cui Giovanni Falcone e Paolo Borsellino misero la mafia alla sbarra, è quello di Abate Giovanni. Ebbene, sono cresciuto a casa sua, dei suoi genitori e di suo fratello Giuseppe, assassinato da Cosa Nostra: così come ho conosciuto i fratelli Michele e Salvatore Greco, rispettivamente “Papa” e “Senatore”. Quindi quando si parla di mafia ante corleonesi, credo di capirne un’anticchia (un po’).

Poi, divenuto adulto, ho affrontato a viso aperto Cosa Nostra e se oggi, 19 luglio 2017, scrivo che alcuni uomini delle istituzioni e della “Palermo bene”, dovrebbero andare in pellegrinaggio per omaggiare Santa Rosalia, per loro esistenza in vita, sarebbe cosa buona e giusta.
Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 1038
Testosterone 250 Mg Per WeekThere are three major facts that should be watched out for in all payday loans in the United States. But at the same time, it acts only with sexual arousal. Viagra Online has a number of advantages in comparison with injections in the sexual organ or other procedures aimed at treatment of impotency.
 

Petizione Agostino

Fino all'ultimo giorno della mia vita